Lavorare nel non profit con una laurea in economia

Finanza, management, progettazione, fundraising, marketing o risorse umane. Gli sbocchi professionali nel non profit per un laureato in economia possono essere molti, a seconda degli interessi personali e della specializzazione.

Proviamo a vedere in che settori dell’economia sociale si concentrano le richieste di professionisti che abbiano conoscenze ed un percorso di carriera a stampo economico.

Lavori governativi: statali, locali e dell’Unione Europea

Collaborare con la pubblica amministrazione, in Italia, è diventato sempre più difficile negli ultimi anni. Le regole stringenti, a cui il settore pubblico deve attenersi, ha portato al blocco del turn over del personale e alla carenza di concorsi.

Tuttavia, non è detto che in un prossimo futuro le cose non possano cambiare. Nei prossimi anni, infatti, è prevista una gobba pensionistica e ciò può portare a un fisiologico aumento delle assunzioni. Oppure, non è detto che non si possa collaborare con il settore pubblico come consulente o libero professionista.

Le pubbliche amministrazioni sono spesso alla ricerca di laureati in economia con competenze in statistica, management, progettazione e gestione dei servizi. Ma anche ruoli con forte lavoro sociale, pensate ad esempio alla gestione dell’edilizia popolare o convenzionata, oppure di coordinamento tra pubblico e realtà del terzo settore.

Ong e agenzie internazionali

Le organizzazioni non governative internazionali, possono essere uno dei principali sbocchi professionali per un laureato in economia. Anche in questo caso il tipo di ruolo è orientato alla progettazione e al management. Ma anche alle relazioni internazionali.

Scegliete con cura il campo di specializzazione. E’ importante avere sempre in mente l’obiettivo.

Sviluppo economico e cooperazione internazionale

Si tratta di una macro area che opera con progetti per lo sviluppo economico in aree specifiche del mondo, siano esse Paesi in via di sviluppo o quartieri svantaggiati.

Si tratta di attività di lobbyng e relazione con la politica (nazionale o locale) per:

  • promuovere programmi di sviluppo economico;
  • progetti di riqualificazione;
  • promuovere la sostenibilità economica, sociale e ambientale del territorio;

Questi posti di lavoro sono adatti a persone che hanno capacità imprenditoriali e finanziarie, ma anche interesse per la politica e conoscenza del territorio.

Sindacati e associazioni di categoria

Un altro campo ricco di opportunità per un laureato in economia sono le organizzazioni sindacali e di categoria. In questo senso, l’obiettivo è migliorare i rapporti di lavoro e la sicurezza sul posto di lavoro. In questo caso, per ovvi motivi, è meglio affiancare una formazione giuridica e orientata al mercato del lavoro.

Quello dei sindacati è un settore che, spesso, non viene preso in considerazione quando si parla di non profit. Tuttavia,  l’attività sindacale può essere gratificante e apportare miglioramenti reali alla vita delle persone.

Privato sociale

Stiamo parlando delle organizzazioni non profit medie e piccole. Si tratta di realtà che, oltre a perseguire la loro missione, devono fare i conti con la sostenibilità interna e la competizione con le altre organizzazioni. Un laureato in economia può essere molto utile nel campo delle risorse umane e nel controllo di gestione. Ma anche nel reperimento di bandi e la redazione di progetti.

Se, invece, la vostra laurea in economia ha preso la direzione del marketing e della comunicazione, allora potreste specializzarvi della figura del fundraiser. In questo modo potreste aiutare le organizzazioni a reperire le risorse da destinare alle diverse attività.

 

Notizie

Un commento su “Lavorare nel non profit con una laurea in economia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.