stage-tirocinio-curriculare-extracurriculare

Differenza tra Tirocinio Curriculare ed Extracurriculare

Come funzionano stages e tirocini? Il compenso è sempre previsto? Che differenza c’è tra tirocinio Curriculare ed Extra-Curriculare? E nelle organizzazioni non profit ci sono delle differenze rispetto alle Aziende?

Quando si parla di stage e/o tirocinio ci si riferisce ad una esperienza professionale di orientamento al lavoro, principalmente attraverso un periodo di formazione e pratica lavorativa ma che non è un rapporto di lavoro subordinato. La risorsa in stage potrebbe alla fine del percorso essere inserita con un contratto di assunzione o ricevere altre proposte di collaborazione, ma queste opzioni sono del tutto facoltative.

Uno stage serve prima di tutto al tirocinante per sviluppare nuove skills ed apprendere un lavoro. È inoltre un banco di prova per dimostrare all’Ente/Azienda le proprie qualità e capacità per ottenere a fine periodo una proposta di lavoro.

Spesso i giovani in stage si aspettano che il fatto stesso di iniziare lo stage porterà ad un contratto di assunzione, ma non è così. E questo per vari fattori:

  • Il candidato potrebbe essersi dimostrato operativamente non idoneo per quella posizione.
  • Il rapporto umano tra lo stagista e il resto dello staff non è stato “buono”; il paragone può sembrare bizzarro ma l’assunzione di un collaboratore è un po’ come una storia d’amore: se il pretendente non ci piace gli/le si da un 2 di picche.
  • Nel momento in cui lo stage è finito, per una qualche ragione non ci sono le condizioni per una assunzione. Magari per un problema economico imprevisto.
  • Può anche capitare che il datore di lavoro sia poco corretto e si avvalga di stagisti per sopperire alla mancanza di personale. Non abbiamo consigli legali da fornirvi in questo caso ma siamo concordi con voi nel ritenere vergognosa questa pratica, sia nel profit che nel non profit.

Che differenza c’è tra tirocinio Curriculare ed Extra Curriculare?

Il tirocinio curriculare è un percorso “formativo-professionale” che si svolge durante il periodo di studio e rientra in un piano di studi universitario o comunque scolastico.

Lo stage curriculare è primariamente finalizzato all’apprendimento dello stagista in una sorta di alternanza scuola-lavoro. Questo periodo fornisce dei crediti formativi che lo stagista potrà utilizzare per completare il suo piano di studi. L’Ente promotore dello stage dovrà aver preso preventivamente accordi con l’Università o con la scuola.

I tirocini extra-curriculari o non curriculari sono definiti di inserimento/reinserimento lavorativo e non hanno quindi un collegamento con il periodo scolastico universitario. Non hanno limiti di età.

Appartengono a queste categoria i tirocini formativi e di reinserimento o inserimento al lavoro mirati ad inserire, ovvero, reinserire nel mondo del lavoro soggetti privi di occupazione (inoccupati e disoccupati) o con particolari svantaggi (disabili o richiedenti asilo).

A differenza del tirocinio curriculare, l’extra curriculare prevede un compenso che parte da una quota minima obbligatoria (stabilita in base alla regione nel quale si svolge e comunque mai inferiore ai 300€ lordi) e può essere aumentata secondo la volontà dell’Organizzazione/Azienda.

Ci sono differenze tra stage/tirocini in Azienda o all’interno di Organizzazioni Non Profit?

No, non ci sono differenze.

Avvertenze per le Organizzazioni Non Profit che pubblicano posizioni di stage/tirocini/internship

In ogni posizione indicate se si tratta di tirocinio curriculare o extra curriculare e nel secondo caso anche l’ammontare del contributo per il tirocinante. Sono informazioni estremamente utili per i candidati interessati alla proposta e si evita inoltre di creare fraintendimenti o false aspettative. Grazie

 

(ci scusiamo per la brevità della risposta ma vi garantiamo che questo articolo verrà ripreso ed approfondito a breve. un caro saluto e buona giornata)

 

Notizie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.