Job description

Da quattro anni, Rondine ha sviluppato un nuovo progetto formativo rivolto ai diciassettenni provenienti dai Licei Classico, Scientifico e delle Scienze Umane di tutta Italia che vogliano frequentare la loro quarta superiore a Rondine in un contesto internazionale. Il Quarto Anno Liceale d’eccellenza a Rondine è un anno di scuola arricchito da percorsi formativi sui temi cuore dell’Associazione: ambiente, cultura digitale, legalità, conflitto, individuo/comunità, innovazione e impresa sociale, progettazione sociale. Gli studenti sono selezionati e fortemente motivati e trovano nel percorso formativo di Rondine la possibilità di sviluppare competenze e strumenti trasversali per lavorare sui propri conflitti (personali e interpersonali) diventando innovatori, leader e agenti del cambiamento nei loro territori.

La figura ricercata, nella funzione di addetto/a alla segreteria generale, si occuperà della gestione delle pratiche amministrative del progetto, del coordinamento dei rapporti e delle comunicazioni con i principali stakeholder, con studenti e genitori. Sarà figura di supporto per la gestione e la condivisione di documenti con gli istituti d’istruzione che intrattengono rapporti con l’Associazione e con gli studenti. La figura sarà anche responsabile della logistica esterna ed interna, e dell’organizzazione degli eventi del Quarto Anno, raccordandosi con le strutture interne ed esterne per lo svolgimento delle varie attività degli studenti.

Principali compiti e responsabilità segreteria generale

  • Coordinamento rapporti istituzionali e comunicazioni con i principali stakeholder del progetto;
  • Tenuta rapporti e scambio documentazione con istituti di provenienza degli studenti;
  •  Monitoraggio registro elettronico;
  • Supporto all’organizzazione e alla gestione delle riunioni dei docenti;
  • Tenuta amministrativa del progetto relativamente alle spese da fare, alle pratiche di assegnazione incarichi, al recupero crediti, supporto finale al rendiconto finanziario.

Principali compiti e responsabilità logistica

  • Organizzazione logistica delle diverse aule adibite a formazione in base al calendario scolastico e consegna della strumentazione didattica;
  • Supporto ai docenti per preparazione materiale didattico e alle attività didattiche, compresa organizzazione gite scolastiche;
  • Supporto alla logistica dei ragazzi e delle famiglie;
  • Supporto alla logistica dei docenti e dei formatori;
  • Organizzazione degli eventi del Quarto Anno;
  • Monitoraggio e controllo degli studenti con forte ruolo educativo e rispetto delle regole scolastiche.

Requisiti obbligatori

  • Capacità organizzative e analitica;
  • Predisposizione ai rapporti interpersonali;
  • Attitudine alla proattività;
  • Problem Solving;
  • Ottime capacità di gestione dello stress;
  • Capacità di lavorare in team e trasversalmente con gli altri uffici;
  • Conoscenza del pacchetto Office (Word, Excel, PowerPoint, Outlook) e degli strumenti di navigazione Internet;
  • Automunito.

Competenze tecniche e trasversali che costituiscono titolo preferenziale

  • Buona conoscenza della lingua inglese

Info su Rondine Cittadella della Pace Onlus

L’Associazione Rondine Cittadella della Pace, da circa vent’anni lavora nell’alta formazione per favorire la promozione del dialogo e la risoluzione del conflitto, a tutti i livelli, da quello interpersonale a quello internazionale, favorendo un percorso unico di convivenza tra giovani provenienti d luoghi di guerra, nemici tra loro. Questi giovani (palestinesi, israeliani, russi, georgiani, bosniaci, serbi, kosovari, azeri, armeni etc..) arrivano con un back ground di ferite, diffidenza, pregiudizi ma allo stesso tempo convinti che debba esserci un’alternativa ad accettare di vivere in guerra. Per questo accettano di incontrare giovani provenienti dall’altra parte del conflitto, vivere con loro per 2 anni nello Studentato Internazionale di Rondine ad Arezzo, sede dell'associazione. Un percorso che li aiuta ad abbattere i pregiudizi, superare il conflitto interiore e acquisire gli strumenti per poi tornare nei rispettivi Paesi e promuovere azioni, progetti e percorsi che possano aiutare le rispettive comunità a ricostruire la fiducia, i legami con l’altra parte a ricostruire un tessuto sociale che permetta una convivenza pacifica.