Job description

Tipo di contratto: contratto a progetto
Disponibilità: maggio 2019
Durata: un anno rinnovabile

Sede di lavoro: Bolivia
Luogo: La Paz con frequenti missioni nel paese
Posizione: Fa riferimento al Policy Advisor Human Rights and Restorative Justice e al Desk Geografico Progettomondo.mlal.

Progettomondo.mlal è un’Organizzazione Non Governativa (Ong) di cooperazione internazionale con sede a Verona che promuove da 53 anni progetti e programmi di sviluppo e di Educazione alla Cittadinanza Globale in America Latina, Africa e in Europa.

Negli ultimi 20 anni Progettomondo.mlal ha progressivamente sviluppato una competenza tecnica specifica nell’ambito della Giustizia Minorile e Prevenzione Terziaria finalizzata al reinserimento sociale di minori e giovani in conflitto con la legge e la gestione del rischio di recidiva, attraverso l’elaborazione di programmi di intervento socioeducativi individualizzati e piani terapeutici specifici associati a meccanismi di giustizia riparativa.

Assieme alla tematica dello sviluppo socio-economico in un’ottica di rafforzamento di filiere produttive, il settore giustizia si è quindi progressivamente convertito in un settore strategico del nostro intervento in Bolivia.

DESCRIZIONE DEI COMPITI/MANSIONI:

A) Rappresentante paese

  • Svolge attività di rappresentanza istituzionale in relazione alle piattaforme di coordinamento tematico e i donors istituzionali e privati presenti nel paese
  • Mantiene, rafforza, amplifica le relazioni con autorità ed attori boliviani e internazionali operanti in loco.
  • Realizza, in collaborazione con lo staff di Progettomondo.mlal, studi di fattibilità, preparazione e redazione di eventuali nuovi progetti da sottoporre a Enti finanziatori per approvazione e finanziamento.
  • Cura l’implementazione delle azioni di visibilità e comunicazione dei progetti, relazionandosi con l’Ufficio Comunicazione dell’Ong in Italia.
  • Definisce assieme al Policy Advisor e al Desk le strategie tematiche e Paese ed è responsabile della loro implementazione operativa.
  • È responsabile della gestione del personale, seleziona e assume personale locale, collabora alla redazione dei TdR dei volontari e dei consulenti espatriati, accompagna l’inserimento di nuovi espatriati, garantisce il rispetto della Normativa, redige relazioni di valutazione sul personale.
  • In accordo con l’Ufficio Progetti, partecipa all’elaborazione delle strategie e di nuove proposte progettuali, garantisce la stesura di nuovi documenti di progetto e conduce le negoziazioni in loco con i finanziatori
  • Garantisce il rispetto dei vincoli imposti dagli accordi e contratti firmati dall’ONG e delle norme giuridiche ed amministrative del Paese.

B) Capo progetto

  • Coordina e monitora le attività previste nel progetto.
  • Accompagna e fornisce supporto tecnico all’equipe locale, compreso i partner, per una corretta gestione del ciclo di progetto
  • Realizza contatti ordinari con gli interlocutori operativi e istituzionali coinvolti nella realizzazione del progetto.
  • Supervisiona e monitora compiti e attività realizzate dal personale che opera nel progetto. Applica meccanismi relativi all’eventuale formazione on the job del personale che opera nel progetto.

Formula documenti relativi alla realizzazione del progetto:

  • Piani operativi periodici e aggiornamenti posteriori.
  • Rapporti intermedi e finali tecnici e finanziari e addenda.
  • Materiali divulgativi.

Svolge le seguenti responsabilità e funzioni amministrative:

  • supervisione del personale di supporto al progetto (in ambito amministrativo, logistico e risorse umane);
    verifica e validazione delle prime note mensili relative al progetto;
  • identificazione degli impegni economici e finanziari necessari per la realizzazione del progetto;
  • il corretto uso dei fondi e la corretta compilazione dei documenti di contabilità nei tempi e modi previsti;
  • la stesura dei preventivi annuali e trimestrali;
  • il rispetto delle procedure previste per acquisti, appalti e servizi.

Raccoglie e trasmette tutte le ulteriori informazioni richieste dai referenti in Italia

Requisiti obbligatori:

  • Spiccate competenze/abilità relazionali, sia in riferimento ai rapporti istituzionali che a quelli interpersonali.
  • Sensibilità e predisposizione al dialogo interculturale.
  • Competenze ed esperienza nel settore Diritti Umani e Child Protection. Sarà considerato un plus positivo l’aver maturato esperienze nell’ambito della giustizia minorile.
  • Profilo professionale orientato al settore della cooperazione internazionale, con particolare riferimento alle funzioni gestionali dei progetti di sviluppo e promozione e difesa dei diritti umani.
  • Imprescindibile l’ottima conoscenza della lingua spagnola scritta e parlata (livello C1/C2).
  • Comprovata esperienza nella realizzazione di analisi di fattibilità per l’elaborazione di nuove proposte progettuali e scrittura di nuovi progetti da presentare a donors istituzionali e privati (MAE, UE, Nazioni Unite). La capacità progettuale e l’abilità nel gestire i rapporti istituzionali saranno oggetto di attenta valutazione in sede di selezione così come l’analisi delle pregresse esperienze lavorative.

Criteri di selezione:

  • Laurea o titolo equivalente
  • Esperienze professionali pregresse in funzioni gestionali, con ruolo di coordinamento di progetti co-finanziati dalla UE, MAE/AICS, Agenzie delle Nazioni Unite e altri donors internazionali (almeno 6 anni dimostrabili).
  • Esperienza lavorativa pregressa in paesi dell’America Latina (almeno 4 anni dimostrabili).
  • Conoscenza ed esperienza pregressa nell’uso degli strumenti e metodologie partecipative.
  • Conoscenza degli strumenti gestionali di pianificazione e monitoraggio dei progetti di cooperazione internazionale (elaborazione di un POG, POA, report di monitoraggio intermedi e finale).
  • Conoscenza degli strumenti per l’amministrazione e contabilità dei progetti di cooperazione internazionale, con particolare riferimento alle procedure di rendicontazione di progetti UE.
  • Disponibilità a fare trasferte in regioni periferiche e/o rurali, talvolta in condizioni disagiate.
  • Buone capacità organizzative e attitudine alla pianificazione.
  • Attitudine al lavoro in gruppo e al problem solving.
  • Buone conoscenze informatiche (pacchetto Microsoft Office, internet, Skype, applicativi per la gestione di progetto).
  • Conoscenza linguistica: Spagnolo (ottimo).

Inviare CV e lettera di motivazione spagnolo, corredata da due referenze a: [email protected] indicando in oggetto “Rappresentante Bolivia e Capo progetto senior” entro il 02/05/2019.

Info su Progettomondo.mlal

Da sempre impegnata nella difesa dei diritti umani, Progettomondo.mlal è un’organizzazione non governativa di cooperazione internazionale che si impegna ogni giorno per garantire una vita dignitosa a tutti, distanti da logiche assistenziali, e mettendo al centro le persone.

Nata nel 1966 per promuovere lo sviluppo sostenibile, una nuova forma di giustizia e una migrazione consapevole in America Latina e in Africa, in Italia e in Europa l’Ong promuove la Global education e l'incontro fra culture differenti.

Partenariato e co-progettazione hanno impegnato Progettomondo.mlal per 50 anni “dalla parte giusta”, in un’esperienza collettiva vissuta con più di 1.000 operatori e volontari, in 24 paesi dell’America Latina e dell’Africa, in Italia e in Europa, con oltre 450 progetti e iniziative.
Il modus operandi dell'Ong è di elaborare e programmare le attività insieme alle istituzioni e realtà dei Paesi in cui opera, in uno sforzo comune di strategie per promuovere processi di sviluppo e di lotta alla povertà.

La sede di Progettomondo.mlal è a Verona, ma gruppi territoriali di volontari e promotori sono attivi in Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige, Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria ed Emilia Romagna.

Progettomondo.mlal è tra i fondatori della Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario (FOCSIV) e membro della Coalizione Italiana contro la Povertà (GCAP Italia), dell’Associazione Italiana Turismo Responsabile (AITR), del cartello “Nella Mia Città Nessuno è Straniero” di Verona, della piattaforma ONG2.0, oltre che socio di Banca Etica. Sostiene inoltre il Movimento Italiani senza cittadinanza.